Relax & natura in Carnia

Quota di partecipazione a partire da    € 410,00            

(Minimo 25 partecipanti)

Supplemento singola a partire da                 75,00

 

La quota comprende:

- sistemazione in hotel 3 stelle ad Arta Terme (Grand Hotel Gortani*** o similare), con trattamento di mezza pensione bevande incluse; - n° 1 pranzo in hotel, n° 1 pranzo al sacco, n° 1 pranzo in malga, n° 1 pranzo in rifugio; - ingressi: Museo dell’orologeria a Pesariis, piscine termali di Arta, Casa delle Farfalle  di Bordano; - visita al presepe di Teno e al borgo di Sutrio,  - n° 2 intere giornate con guida naturalistica; - servizio accompagnamento a: passeggiata del 1° giorno, malga Pramosio, sentiero del Cuore a Sauris, Lago di Cavazzo; - raccolta di erbe o funghi con esperto; - funivia A/R per Monte Zoncolan e funicolare A/R per il Lussari.

 

La quota non comprende:

- i pasti non menzionati, gli ingressi e le visite non menzionati, le offerte alle chiese e tutto quanto non espressamente indicato sotto la voce: " La quota comprende".

 

Gortani Hotel - Arta Terme

   Conosciuta fin dall’antichità per la presenza di una fonte di acque sulfuree, Arta Terme oggi ospita un rinomato centro termale specializzato in trattamenti della salute e del benessere. L’edificio ottocentesco, sede dell’hotel, oltre alle camere, tutte finemente arredate (bagno, TV SAT e wi-fi) e al ristorante, ospita anche un centro benessere con sauna e bagno turco. L’Hotel Gortani, inoltre, mette a disposizione degli ospiti, all’interno di una moderna struttura di legno e vetro che affaccia sul giardino, una piscina coperta con idromassaggio e area relax.

ATTIVITA’ PROPOSTE:

1° GIORNO

Arrivo dei partecipanti e nel pomeriggio passeggiata “leggera” con partenza a piedi dall’hotel Gortani di Arta Terme. L’itinerario sulle tracce del mondiale di corsa in montagna è un percorso facile adatto a tutti (2 ore circa). Rientro in hotel, cena e pernottamento.

2° GIORNO

  Prima colazione in hotel. In mattinata trasferimento a Pesariis (Prato Carnico-Udine) per la visita al museo dell’orologio, che si articola anche lungo le vie del paesino. Il Museo dell'Orologeria Pesarina è stato inaugurato nel 1996 a Pesariis, di fronte alla Casa Bruseschi. Sosta a Villa Santina per la visita al laboratorio di produzione tessile artigianale e possibilità d’acquisto dei preziosi manufatti al negozio. "L'arte del tessere" in Carnia ha origini molto antiche, ma si è particolarmente radicata nel periodo che va dai primi del 1700 alla fine del 1800 quando, in ogni casa, anche la più sperduta nell'ultima vallata, c'era in funzione almeno un telaio. Le tele prodotte in Carnia venivano esportate ovunque, fino nei più lontani paesi dell'Asia e delle Americhe. Riconosciuta erede di questa antica tradizione è la "Carnica Arte Tessile", azienda sorta nel 1964. Pranzo in hotel. Nel pomeriggio tempo per rilassarsi alle terme di Arta (ingresso alle piscine). L’acqua della Fonte Pudia di Arta, che prende il nome dal latino aqua putens (ovvero acqua con straordinari poteri), è un’acqua fredda, limpida e incolore ricca di sali minerali, solfati, calcio e magnesio. Le eccellenti qualità dell’acqua della Fonte Pudia derivano dal basso grado solfidrimetrico, più sopportabile nelle terapie poiché raramente causa crisi termali. Passeggiata nel caratteristico borgo di Sutrio, paese dalle tipiche abitazioni montane dove nelle numerose botteghe artigiane da secoli si lavora il legno. Il paese è sicuramente uno dei più caratteristici borghi della Carnia, caratterizzato da un centro storico ben restaurato, con le tipiche case in pietra che si affacciano su stradine lastricate che fanno da cornice al Borgo. Merita una visita il Presepe di Teno, straordinario esempio di artigianato locale frutto del paziente lavoro trentennale di Gaudenzio Straulino, detto "Teno", che per quasi 30 anni ha ampliato e perfezionato la propria opera arricchendola di particolari tutti rigorosamente in legno. Per concludere, piccola degustazione dei formaggi di montagna presso il caseificio locale Alto But. Saremo accolti dal casaro che ci guiderà nella preparazione dei formaggi tipici della Carnia. Durante la visita avremmo modo di imparare come il latte diventi formaggio e ci verrà data la possibilità di provare noi stessi a farlo! Rientro in hotel, cena e pernottamento.

3° GIORNO

Prima colazione in hotel. Intera giornata d’escursione con pranzo al sacco:

Sentieri dell’uomo - Anello di Lanza dal passo del Cason di Lanza (con pranzo al sacco)

LIVELLO: Turistico / DATI TECNICI: Lunghezza: 9km – Dislivello: 400m

Percorrendo la strada statale che da Tolmezzo sale al passo di Monte Croce Carnico, giunti all’altezza del ponte sul Chiarsò presso Cedarchis, si gira a destra in direzione di Paularo. Giunti al centro abitato si imbocca a destra la lunga e stretta rotabile che conduce al passo del Cason di Lanza(informarsi sulle condizioni della strada). La si risale quasi interamente fino a oltrepassare la grande ansa presso il Rio das Barbacis (m 1463). Ancora 400 metri e si incontra sulla sinistra il cartello che indica l’inizio del sentiero CAI n.451 (m 1526, possibilità di parcheggio negli spiazzi lungo la strada).

Rientro in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO

  Prima colazione in hotel. Giornata d’escursione a Malga Pramosio, raggiungibile con la funivia Monte Zoncolan e una passeggiata di mezz’ora circa. In malga sarà possibile assistere alle seguenti attività: mungitura, preparazione del formaggio e affumicatura della ricotta. Pranzo a base degli ottimi prodotti caseari.

5° GIORNO

Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata alla raccolta di erbe o funghi, accompagnati da un esperto. Nel pomeriggio giro sul sentiero del Cuore a Sauris. Da Velt si prende il sentiero degli elfi o il sentiero per la pace per arrivare al Borgo di Sauris di Sotto: visita per le viuzze del paesino, uno sguardo alle architetture tipiche ed al sottostante lago. Poi un saluto agli artigiani locali: la tessitura, le casette fatte in miniatura in legno, visita al celebre prosciuttificio con possibilità di degustazioni.

Cena a base delle erbe o dei funghi raccolti la mattina. Pernottamento.

6° GIORNO

Prima colazione in hotel ed escursione sul Monte Lussari. Per secoli, le cime più orientali delle Alpi sono state il confine naturale tra il mondo latino, quello germanico e quello slavo. Ne è simbolo il monte Lussari, all’estremo nordest dell’Italia, con il suo santuario che può a ragione definirsi europeo, perché è meta di pellegrinaggi dei tre popoli. Il santuario è raggiungibile a piedi, attraverso il suggestivo Sentiero del Pellegrino che si snoda tra i boschi della foresta di Tarvisio,  con la telecabina che parte da Camporosso o tramite la strada forestale che sale dalla Val Saisera. Pranzo in quota nel caratteristico rifugio “Locanda al Convento Da Jure”. Nel pomeriggio giro panoramico ai bellissimi laghi di Fusine, di origine glaciale, ben inseriti all'interno di un fitto bosco di abete rosso. La catena montuosa del gruppo del monte Mangart che li circonda si riflette quasi magicamente sulle sulle sue acque verde-azzurre. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

 

6° GIORNO

Prima colazione in hotel. Passeggiata al lago di Cavazzo, il più ampio bacino lacustre naturale del Friuli-Venezia Giulia, noto anche come Lago dei Tre Comuni: le sue acque, infatti, bagnano i territori di Cavazzo Carnico, Trasaghis e Bordano. Il verde dei monti circostanti fa da contorno allo splendido azzurro dello specchio d’acqua. Visita poi alla Casa delle Farfalle a Bordano, un angolo di foresta tropicale in Friuli Venezia Giulia! È la più ampia esposizione di farfalle e insetti vivi in Italia, con 1.000 metri quadrati di serre riscaldate e altrettanti di mostre e laboratori. Più di 400 specie di farfalle provenienti da tutto il mondo sono ospitate nelle 3 grandi serre-giardino che riproducono i loro habitat naturali, con piante ed animali esotici: l'Africa tropicale, le foreste pluviali asiatiche e il bacino del Rio delle Amazzoni. Fine dei servizi.